Mantenersi in Forma

L’aria di mare fa bene al nostro organismo. Sapete perchè e quali sono le sue proprietà? Scopritelo qui e preparatevi a respirare a pieni polmoni
L’aria di mare fa bene alla salute. Ce lo dicevano le nostre nonne e lo ha dimostrato anche la scienza. Le goccioline di acqua di mare che respiriamo quando siamo in spiaggia rappresentano un vero e proprio aerosol naturale a base di cloruro di sodio, iodio, fosforo, magnesio, zolfo e tante altre particelle minerali che evaporano.

A trarre beneficio da un soggiorno in riva al mare, oltre agli effetti piscologici sull’umore, sarebbero almeno 16 malattie, dalle allergie respiratorie alle anemie, dall’artrosi alla depressione, ma anche distorsioni, fratture, ipotiroidismo, malattie ginecologiche, reumatiche, psoriasi e rachitismo.

I medici affermano che per beneficiare a pieno di quest’aria salubre è bene recarsi in riva al mare in determinate ore della giornata, ossia dalle 9 alle 11 del mattino e dalle 16 alle 19 della sera.

Non solo: per massimizzare i benefici per il nostro organismo si consiglia di fare un vero e proprio “bagno d’aria”. Come? Passeggiando per circa 20 minuti sul bagnasciuga con l’acqua del mare che bagna le caviglie. Nel contempo l’esposizione solare aumenta la produzione di vitamina D che aiuta le ossa e la pelle con grossi benefici per chi soffre di osteoporosi. E infine è bene effettuare esercizi respiratori completi e profondi per ossigenare al meglio tutti gli organi del nostro corpo.

Le recenti richerche scientifiche

Oltre a questi innegabili e ormai consolidati benefici, la scienza si è interrogata su altri possibili vantaggi derivanti dal respirare e stare a contatto con l’aria di mare. Una ricerca piuttosto recente svolta dall’Università di Gand (Belgio) e dall’Istituto fiammingo per il mare (VLIZ) ha rilevato che lo spray marino – ossia l’acqua di mare vaporizzata nell’aria dalle onde – interagisce con dei geni umani coinvolti nella formazione del tumore ai polmoni e del colesterolo, inibendoli.

«Abbiamo prelevato campioni di aria di mare e li abbiamo esaminati in laboratorio», afferma il ricercatore belga Emmanuel Van Acker. «Abbiamo esposto le cellule cancerogene di un polmone umano a questi campioni di aria ed esaminato i loro effetti sulla salute, e abbiamo anche osservato l’impatto sui nostri geni, il tutto in confronto con altri studi scientifici».

La sperimentazione in questo ambito sta portando dei risultati positivi, e questo esperimento dimostra che l’impatto positivo dell’aria di mare sulla salute sia «simile ai nuovi trattamenti contro il cancro e l’ultima generazione di farmaci per il colesterolo», come afferma la ricercatrice Jana Asselman.

Il risultato ottenuto apre le porte a studi ulteriori, per capire se è in effetti possibile – e, nel caso, come – agire sul gene in questione e bloccarlo. Per affermare con certezza che l’aria di mare previene il cancro e abbassa i livelli di colesterolo nel sangue, servono certamente studi empirici più approfonditi, prima in laboratorio e poi su animali ed esseri umani. Ma la ricerca degli scienzati nord europei rappresenta comunque un punto di partenza importante.

Sicuramente, da oggi, abbiamo una ragione in più per goderci una bella e salutare passeggiata in riva al mare. E allora, perché non approfittare anche di questa scoperta per cominciare a programmare le vacanze?

Fonte:https://www.vanityfair.it/benessere/salute-e-prevenzione/2021/06/13/aria-di-mare-i-benefici-che-ci-regala-lo-iodio-16-malattie-anemia-allergie-artrosi-depressione-ipotiroidismo-psoriasi-rachitismo