Alimentazionemango

In alcune parti del mondo il mango viene chiamato anche il “re della frutta”.

Il mango è una drupa ovvero un frutto con un grosso seme nel mezzo.

Originario dell’India e del sud est asiatico, le prime tracce della sua coltivazione risalgono a oltre 4000 anni fa.

La prima curiosità a proposito di questo complesso frutto è che ne esistono oltre 100 tipologie che differiscono per forma, dimensione, colore e naturalmente sapore.

Questo frutto non è solo delizioso, ma anche delle caratteristiche nutrizionali uniche nel suo genere.

Mango: proprietà e benefici

Studi recenti suggeriscono che il mango e i suoi nutrienti sono legati a molteplici benefici per la salute, in particolare rafforza la salute del nostro apparato digerente.

Alcuni polifenoli presenti nel frutto potrebbero persino ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di tumori.

Ecco 5 proprietà che rendono il mango il Re dei frutti.

1 – Ricco di nutrienti

Molte persone amano il mango, non solo perché è delizioso, ma anche perché è molto nutriente.

Una tazza (165 grammi) di mango fresco fornisce al nostro organismo i seguenti nutrienti:

  • Calorie: 99
  • Proteine: 1,4 g
  • Carboidrati: 24,7 g
  • Grassi: 0,6 g
  • Fibre: 2,6 grammi
  • Zuccheri: 22,5 grammi
  • Vitamina C: 67% del valore giornaliero (DV)
  • Rame: 20% del DV
  • Folato: 18% del DV
  • Vitamina B6: 12% del DV
  • Vitamina A: 10% del DV
  • Vitamina E: 10% del DV
  • Vitamina K: 6% del DV
  • Niacina: 7% del DV
  • Potassio: 6% del DV
  • Riboflavina: 5% del DV
  • Magnesio: 4% del DV
  • Tiamina: 4% del DV

Curioso notare che una tazza di Mango (165g) contiene il 67% del fabbisogno giornaliero di Vitamina C. Tale vitamina idrosolubile aiuta il sistema immunitario, aiuta il corpo ad assorbire il ferro e promuove la rigenerazione cellulare.

2 – Poche calorie

Un altro beneficio del mango è il suo ridotto numero di calorie.

Una porzione da 165g contiene meno di 100 calorie con una bassa densità calorica.

Studi scientifici confermano che mangiare un po’ di mango prima del pranzo o della cena aiuterebbe a non abbuffarsi durante il pasto.

Il mango secco differisce leggermente da quello fresco e sebbene sia ancora ricco di sostanze nutritive come vitamine, minerali e antiossidanti, potrebbe essere meglio consumarlo con moderazione a causa della sua elevata densità calorica e del contenuto di zucchero.

3 – Aiuta a prevenire il diabete

Il mango fresco contiene più zucchero naturale rispetto ad altri frutti freschi (oltre 22g per tazza da 165g).

Ciò suggerirebbe che può essere un alimento da evitare per chi soffre di diabete, ma non esistono prove che collegano il consumo di mango al peggioramento delle condizioni nelle persone che soffrono di questa patologia.

Anzi, molti studi hanno persino collegato una maggiore assunzione di frutta fresca con un minor rischio di diabete in generale. (1)

Uno studio recente dimostra che le persone che hanno aggiunto 10 grammi di mango liofilizzato alla loro dieta ogni giorno per 12 settimane hanno riscontrato miglioramenti significativi nei livelli di zucchero nel sangue (18 Fonte attendibile).

4 – Ricco di composti vegetali sani

Ricco di polifenoli, composti vegetali che agiscono come antiossidanti per proteggere il tuo corpo, è possibile trovarli nella buccia, nella polpa e persino nel seme.

Tali polifenoli includono:

  • mangiferina
  • catechine
  • antociani
  • acido gallico
  • kaempferol
  • ramnetina
  • acido benzoico

Gli antiossidanti sono di vitale importanza perché proteggono le cellule dai radicali liberi.

5 – Aiuta a prevenire alcuni tipi di cancro

I polifenoli hanno anche proprietà antitumorali.

Aiutano a proteggere dallo stress ossidativo, un processo chimico che è legato a diverti tipi di tumore.

È stato anche scoperto che distruggono o arrestano la crescita di varie cellule tumorali, tra cui la leucemia e il cancro del colon, del polmone, della prostata e della mammella.

La mangiferina, uno dei principali polifenoli del mango, ha recentemente attirato l’attenzione per i suoi promettenti effetti antitumorali.

Negli studi sugli animali ha ridotto l’infiammazione, ha protetto le cellule dallo stress ossidativo e ha fermato la crescita delle cellule tumorali (o le ha uccise).

Come si pulisce il mango

Per prima cosa è necessario pulire la buccia sotto acqua tiepida e asciugarlo con un panno da cucina.

Successivamente si procede con il taglio. Il modo più comune di mangiare il mango consiste nel taglio a porcospino.

Tagliare due fette in prossimità del grande nocciolo e disegnare con il coltello un reticolo formato dai tagli orizzontali e verticali.

In questo modo otterrai dei tocchetti semplici da mangiare (vedi foto).

Mango

Come si mangia il mango

Questo frutto esotico appartiene alle anacardiaceae, la famiglia di pistacchi e anacardi.

Uno degli utilizzi più comuni di questo frutto è all’interno delle insalate, ma può anche essere usato nei dolci, nei primi piatti e abbinato al pesce (spesso salmone).

Il modo migliore e più salutare per gustarlo è sbucciato e tagliato a tocchettini con del limone.