Brevi cenni storici

In continua ricerca

Il lungo corso di studi ha fornito delle evidenze cliniche importanti, dimostrando che brevi periodi di un programma di nutrizione che mima il digiuno sono in grado di innescare nell’uomo dei meccanismi metabolici e cellulari rigenerativi e protettivi. Nasce così il concetto di Mima Digiuno, ossia una composizione nutrizionale che sfrutta la nutritecnologia e quindi la conoscenza degli effetti di diversi nutrienti sull’attivazione di vari geni per regolare l’invecchiamento e la rigenerazione cellulare. Tali studi hanno ricevuto negli USA diverse sovvenzioni pubbliche, tra cui quelle dell’NIH (National Institute of Health) . Ad oggi, diversi finanziamenti ministeriali sono stati erogati anche dal governo italiano nei confronti di Università che svolgono ricerca sul protocollo Mima Digiuno. In particolare, il concetto della Mima Digiuno periodica è stato accolto con entusiasmo da molti tra le principali Universita e ospedali di ricerca in Europa e USA, e ad oggi vi sono oltre 40 studi clinici completati, in corso o in via di sviluppo. In Italia i seguenti istituti sono o saranno coinvolti nella ricerca pre-clinica o clinica sulla Dieta Mima Digiuno: Università di Genova, l’IFOM di Milano, l’Università di Verona, l’Università La Sapienza di Roma, Istituto Nazionale Tumori (INT), Istituto Europeo di Oncologia (IEO), Università di Palermo.

L-Nutra e Università

In continua ricerca

Il digiuno nella storia

Lo Sapevi?

L-Nutra detiene i diritti sull’unico brevetto nella storia dell’assistenza sanitaria per l’ottimizzazione della longevità e della salute.

Società leader nel settore nutritecnologico, L-Nutra detiene più brevetti per la cura e prevenzione, in cui la condizione di digiuno viene utilizzata come trattamento dietetico del diabete. Il prodotto legato a questo  brevetto non è ancora disponibile sul mercato.

Il fondatore di L-Nutra, il Prof. Valter Longo, dona tutti i proventi derivanti dalla sua quota in L-Nutra ad enti che si occupano di beneficenza, ricerca e divulgazione scientifica, tra cui vi sono le fondazioni “Create Cures” e “Valter Longo”.